Terremoto. Catherine Russell (Unicef): “I bambini della Siria hanno sopportato un orrore e uno strazio indicibili”

AgenPress. Oggi, Catherine Russell, Direttore generale dell’UNICEF, al termine di una missione di due giorni in Siria, ha ricordato che i 3,7 milioni di bambini sopravvissuti nelle aree della Siria colpite dal potente terremoto – che ha scosso la Turchia meridionale e la Siria del nord lo scorso 6 febbraio – stanno affrontando diverse e sempre più numerose minacce potenzialmente catastrofiche.

 L’impatto emotivo e psicologico dei terremoti sui bambini, l’aumento della minaccia di malattie contagiose, trasmesse per contatto e dall’acqua per le famiglie sfollate e la mancanza di accesso ai servizi di base per le famiglie rese vulnerabili da quasi 12 anni di conflitto rischiano di creare catastrofi continue e aggravate per i bambini colpiti.

 “I bambini della Siria hanno già sopportato un orrore e uno strazio indicibili”, ha dichiarato il Direttore generale dell’UNICEF Catherine Russell. “Ora, questi terremoti e le scosse di assestamento non solo hanno distrutto altre case, scuole e luoghi di gioco per i bambini, ma hanno anche distrutto ogni senso di sicurezza per molti dei bambini e delle famiglie più vulnerabili”.

Ad Aleppo, Russell ha incontrato dei bambini presso un centro temporaneo per l’apprendimento, dove oltre 250 bambini – che vivono in un rifugio collettivo – possono accedere a istruzione, servizi mobili per la salute, attività ricreative.

In una moschea a Al Masharqa, Russell ha parlato con Esraa madre di due bambine, il cui marito è scomparso durante il conflitto. Lei sta crescendo le sue figlie di 10 e 11 anni da sola. Esraa è una delle migliaia di persone che hanno perso la casa nel terremoto. Con le sue bambine ha trascorso due notti al freddo e sotto la pioggia prima di trovare rifugio nella moschea. Adesso ricevono assistenza in denaro grazie all’UNICEF. “Durante il secondo terremoto avvenuto una settimana fa, mia figlia era così spaventata e stressata da svenire,” ha detto Esraa a Russell. Una delle ragazze, Jana, alla domanda di Russell su cosa desiderasse, ha risposto: “voglio un letto e una casa”.

Russell ha anche visitato una stazione di pompaggio dell’acqua supportata dall’UNICEF che fornisce acqua sicura a oltre due terzi dei quartieri di Aleppo. Molte altre famiglie ora sono sfollate e vivono in condizioni anguste in rifugi temporanei; fornire accesso continuativo a acqua sicura e servizi igienici è fondamentale per prevenire epidemie di malattie come scabbia, pidocchi, colera e diarrea acquosa acuta.

 Nel nord ovest della Siria, l’UNICEF ha raggiunto oltre 400.000 persone con aiuti e servizi per l’acqua, la nutrizione e i servizi igienici. Prima del terremoto, l’UNICEF aveva preposizionato aiuti umanitari di base che hanno iniziato a raggiungere bambini e famiglie nelle prime 48 ore dopo il primo terremoto. Finora, sono stati inviati camion dell’UNICEF con aiuti umanitari per oltre 1,8 milioni di persone, per supportare le comunità e i bambini nel nord ovest della Siria.

“Non basta semplicemente fornire un aiuto immediato: dobbiamo impegnarci a stare accanto a queste famiglie nel lungo periodo, aiutandole a ritrovare un senso di stabilità e speranza”, ha dichiarato Russell. “Fornendo l’accesso a servizi essenziali, come l’acqua potabile, l’assistenza sanitaria e il sostegno psicosociale, possiamo aiutare i bambini e le famiglie a guarire dalle terribili esperienze che hanno vissuto, in modo che possano iniziare a ricostruire le loro vite”.

Per la Siria, l’UNICEF richiede 172,7 milioni di dollari per garantire supporto salvavita immediato a 5,4 milioni di persone – compresi 2,6 milioni di bambini – colpite dal terremoto. L’assistenza sarà fornita alle aree altamente colpite utilizzando tutte le modalità possibili, anche all’interno della Siria e attraverso operazioni transfrontaliere e cross-line.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie