Grant (europarlamentare Lega): “Dubbi su operazioni immobiliare Ue in Africa”

AgenPress. “Chiediamo di fare chiarezza su una operazione immobiliare che l’Ue vuole portare avanti nella Repubblica Democratica del Congo. Oggi in commissione Bilancio del Parlamento Europeo si è votata la richiesta del Servizio europeo di azione esterna (EEAS) per firmare un contratto per l’acquisto di una serie di uffici al quinto, sesto e settimo dell’edifico Park Towers, a Kinshasa-Gombe, nella Repubblica Democratica del Congo, mediante concessione di 25 anni che potrà essere prorogata, il tutto per un costo netto totale di 26 milioni di euro su un periodo di 20 anni, ovviamente a spese dei cittadini italiani ed europei.

La notizia, già da sola, lascia alquanto perplessi: a questo va aggiunto che dalle informazioni fornite da Eeas in merito a questa operazione, emergerebbe la presenza di personalità che potrebbero avere legami con l’ex capo di Stato Joseph Kabila, già protagonista delle cronache per accuse di corruzione.

Assurdo e inquietante, tanto nel merito quanto nel metodo. Mentre imprese, lavoratori, famiglie europee sono in difficoltà, Bruxelles vuole investire quasi 30 milioni di euro in Congo? È d’obbligo prestare la massima attenzione su questo genere di operazioni, anche alla luce degli scandali che hanno animato le cronache di Bruxelles negli ultimi mesi.

Oltre all’opportunità politica, è una questione di trasparenza e correttezza nei confronti dei cittadini. La Lega ha votato contro in commissione e continuerà a lottare perché su questa vicenda venga fatta luce, senza lasciare spazio alla minima ambiguità”.

Così in una nota Valentino Grant, europarlamentare della Lega, componente della commissione Bilancio.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie