Mosca. Muore Gleb Pavlovsky, ex consigliere e poi oppositore di Putin. “Si sente un Dio, è un giocatore d’azzardo”

AgenPress – Il politologo russo ed ex consigliere del Cremlino Gleb Pavlovsky, che negli ultimi anni aveva assunto posizioni critiche nei confronti del presidente Vladimir Putin, è morto a Mosca. Aveva 71 anni.

Pavlovsky era stato una figura influente nella politica russa nel primo decennio del governo del presidente Vladimir Putin, servendo come consigliere di Putin e “tecnologo politico” a partire dal 1996.

È stato determinante nello sviluppo della “democrazia gestita” della Russia che ha visto i rivali di Putin emarginati, esiliati o incarcerati.

Ha anche interpretato il ruolo di spin doctor, ospitando un segmento politico settimanale sulla televisione di stato a metà degli anni 2000.

Ma è stato licenziato dall’amministrazione presidenziale nel 2011, secondo quanto riferito per aver appoggiato la rielezione dell’allora presidente Dmitry Medvedev per il ritorno di Putin alla presidenza.

Da quel momento in poi, sarebbe stato un  critico nei confronti del Cremlino e conosciuto come una delle voci più eloquenti sulle macchinazioni e gli intrighi che si svolgevano nelle sale del potere.

Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin lo scorso febbraio, Pavlovsky ha dichiarato al Financial Times: “Putin è abituato ad essere fortunato. Questo è molto pericoloso per un giocatore d’azzardo, perché inizia a credere che il destino sia dalla sua parte. Quando giochi alla roulette russa, senti che Dio è dalla tua parte finché non risuona il colpo”.

Pavlovsky aveva contribuito con articoli di opinione a The Moscow Times dal 2015 al 2019.

Nato nell’Odesa sovietica, Pavlovsky era stato un dissidente durante l’era sovietica, scontando una pena di esilio interno nella repubblica settentrionale di Komi negli anni ’80.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie