Moldavia. La Russia mette in guardia la Nato e l’Ucraina contro “passi avventurosi” in Transnistria

AgenPress – Il ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione che mette in guardia la NATO e l’Ucraina contro “passi avventurosi” in Transnistria, una regione separatista della Moldavia dove sono di stanza circa 1.500 soldati russi.

Ha avvertito che mentre Mosca sostiene l’uso di “mezzi politici e diplomatici” per risolvere qualsiasi problema, le forze russe garantiranno la “protezione dei loro compatrioti” a Colbasna in Transnistria e “risponderanno adeguatamente” a qualsiasi provocazione da Kiev.

“Qualsiasi azione che rappresenti una minaccia per la loro sicurezza sarà considerata, in conformità con il diritto internazionale, come un attacco alla Federazione Russa”, ha aggiunto la dichiarazione.

I funzionari ucraini hanno recentemente accusato la Russia di complottare per destabilizzare la Moldavia. Il 13 febbraio,  il presidente della Moldavia Maia Sandu ha fatto eco alle affermazioni dell’Ucraina e ha accusato la Russia di aver pianificato di utilizzare “sabotatori che hanno subito un addestramento militare e sono travestiti da civili” per destabilizzare il Paese.

“Le dichiarazioni del presidente Zelensky sui piani della Federazione Russa per destabilizzare la Repubblica di Moldova sono state confermate dalle nostre istituzioni”, ha affermato.

Giovedì scorso, il ministero della Difesa russo ha affermato che Kiev aveva “intensificato gli sforzi per prepararsi a un’invasione della Repubblica moldova transnistriana”.

Un importante blogger militare russo, che si fa chiamare WarGonzo, ha detto che “dato che non abbiamo rifornimenti diretti di terra alla Transnistria, e che l’ostile governo moldavo sicuramente non permetterà alla nostra aviazione di salire in cielo, la guarnigione russa in La Transnistria è ora probabilmente nella posizione più vulnerabile, rispetto alla posizione su altri fronti”.

Contro le accuse russe secondo cui sta costruendo forze vicino al territorio moldavo, un portavoce del servizio di frontiera statale ucraino ha affermato che l’esercito ucraino e la guardia nazionale hanno adottato “misure rafforzate al confine con la Transnistria” ma esclusivamente “per impedire qualsiasi provocazione da l’altra parte.”

“L’Ucraina ha sempre prestato attenzione alla Transnistria, in quanto è in realtà un’enclave della Russia, che avrebbe potuto essere usata contro il nostro Stato già dal 24 febbraio dello scorso anno”, ha affermato il portavoce, Andrii Demchenko.

“Fortunatamente, non abbiamo nemmeno registrato azioni attive o provocatorie in questa direzione”.

Zelensky ha affermato che il suo governo rispetta l’integrità territoriale della Moldavia e che la Transnistria – un frammento di terra in cui la Russia ha inserito una cosiddetta forza di mantenimento della pace per sostenere i separatisti filo-Mosca – è inclusa in quel legittimo territorio moldavo.

Zelensky ha affermato che la Russia sta conducendo una “guerra ibrida e una guerra dell’informazione” in Moldavia.

“Putin ha bisogno di mostrare successi e vittorie. Ma non ci sarà vittoria sul campo di battaglia in Ucraina. Pertanto, può cercare il successo dove ci sono punti deboli”, ha detto.

“Penso che sia importante fermare questi tentativi con più armi, più sanzioni, i passi appropriati”.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie