Scozia. Si dimette a sorpresa la leader Nicola Sturgeon dopo 8 anni. “E’ giusto per me, per il mio partito e per il mio paese”

AgenPress – La leader scozzese Nicola Sturgeon ha dichiarato mercoledì che intende dimettersi dopo più di otto anni in carica, tra le critiche alla sua spinta ad espandere i diritti dei transgender e la sua strategia per ottenere l’indipendenza dal Regno Unito .

Sturgeon ha fatto l’annuncio durante una conferenza stampa nella sua residenza ufficiale a Edimburgo, Bute House, affermando che la decisione non era una risposta all ‘”ultimo periodo di pressione”. Ma ha aggiunto che parte del servire bene è sapere quando lasciare il posto a qualcun altro.

“Nella mia testa e nel mio cuore so che il tempo è adesso. Che è giusto per me, per il mio partito e per il mio paese”.

Sturgeon è semplicemente stanca e “non ne può più” delle responsabilità politiche che ricopre da tempo. In carica dal 2014, quando subentrò allo storico leader indipendentista Alex Salmond dopo la sconfitta nel referendum sulla secessione della Scozia dal Regno Unito svoltosi quell’anno, è rimasta incontrastata al vertice dei nazionalisti-progressisti dell’Snp e del governo locale di Edimburgo per quasi un decennio.

Sturgeon, 52 anni, guida la Scozia dal 2014, quando gli scozzesi votarono per restare parte del Regno Unito. Mentre il referendum è stato pubblicizzato come una decisione irripetibile sull’indipendenza, Sturgeon e il suo Scottish National Party hanno spinto per un nuovo voto, sostenendo che l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea aveva cambiato le regole di base. Il governo del Regno Unito ha rifiutato di consentire un secondo referendum.

La prima donna leader del governo devoluto scozzese, Sturgeon, ha dichiarato di voler rimanere in carica fino a quando l’SNP non eleggerà un nuovo leader. La Scozia fa parte del Regno Unito ma, come il Galles e l’Irlanda del Nord, ha un proprio governo semi-autonomo con ampi poteri su aree tra cui l’assistenza sanitaria.

L’annuncio di Sturgeon ha colto di sorpresa gli osservatori politici tra il suo fermo sostegno sia all’indipendenza che alla legislazione che renderebbe più facile per le persone in Scozia cambiare sesso legalmente.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie