Terremoto Turchia-Siria: neonato estratto da un edificio crollato

AgenPress – Un neonato è stata salvata dai soccorritori da sotto le macerie di un edificio nel nord-ovest della Siria, distrutto lunedì da un terremoto.

Sua madre è entrata in travaglio subito dopo il disastro e ha partorito prima di morire, ha detto un parente. Anche suo padre, quattro fratelli e una zia sono stati uccisi.

Filmati drammatici hanno mostrato un uomo che trasportava la bambina, coperta di polvere, dopo che era stata estratta dai detriti a Jindayris.

Un medico di un ospedale nella vicina Afrin ha detto che ora era in condizioni stabili.

L’edificio in cui viveva la sua famiglia era uno dei circa 50 distrutti da un terremoto di magnitudo 7,8 a Jindayris, una città controllata dall’opposizione nella provincia di Idlib, vicino al confine turco.

Lo zio del bambino, Khalil al-Suwadi, ha detto che i parenti si erano precipitati sul posto quando hanno saputo del crollo.

“Abbiamo sentito una voce mentre stavamo scavando. Abbiamo ripulito la polvere e trovato la bambina con il cordone ombelicale [intatto], quindi l’abbiamo tagliato e mia cugina l’ha portata in ospedale”.

Il pediatra Hani Maarouf ha detto che la bambina è arrivata al suo ospedale in cattive condizioni, con “diversi lividi e lacerazioni su tutto il corpo”.

“Anche lei è arrivata con l’ipotermia a causa del freddo pungente. Abbiamo dovuto riscaldarla e somministrarle calcio”.

È stata fotografata sdraiata in un’incubatrice e collegata a una fleboclisi, mentre si teneva un funerale congiunto per sua madre Afraa, padre Abdullah e i suoi quattro fratelli.

Sono tra le 1.800 persone note per essere state uccise dal terremoto in Siria, secondo il governo con sede a Damasco e i Caschi Bianchi, i cui primi soccorritori volontari operano nelle aree controllate dall’opposizione.

Altre 4.500 persone sono state uccise in Turchia, dove è stato l’epicentro.

I Caschi Bianchi hanno finora riportato 1.020 morti, ma hanno avvertito che la cifra dovrebbe “aumentare drasticamente”.

“Il tempo sta per scadere. Centinaia sono ancora intrappolati sotto le macerie. Ogni secondo potrebbe significare salvare una vita”, hanno twittato martedì.

“Facciamo appello a tutte le organizzazioni umanitarie e gli organismi internazionali affinché forniscano supporto materiale e assistenza alle organizzazioni che rispondono a questo disastro”.

L’Onu ha promesso di utilizzare “tutti i mezzi” possibili per portare aiuti alle persone nel nord-ovest, ma ha affermato che le consegne sono state temporaneamente interrotte a causa di strade danneggiate e altri problemi logistici.

Ha anche esortato i governi a non politicizzare la consegna degli aiuti quando così tanti ne hanno un disperato bisogno.

Un accordo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite autorizza l’uso di un solo valico di frontiera per le consegne dalla Turchia al nord-ovest. Tutte le altre consegne dovrebbero passare da Damasco, anche se in passato il governo ha facilitato solo una piccola quantità di aiuti “cross-line”.

Anche prima che il terremoto colpisse, 4,1 milioni di persone nel nord-ovest – la maggior parte donne e bambini – facevano affidamento sugli aiuti umanitari per sopravvivere.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie