Reggio Calabria. Lupo ucciso a fucilate in Aspromonte. Volontari, chiaro segnale di tipo mafioso

AgenPress Un lupo è stato trovato morto sul versante orientale del Parco nazionale dell’Aspromonte. L’esemplare, riverso su una strada sterrata, presentava un foro di proiettile. È stato individuato presso Monte Scapparrone da un gruppo di escursionisti che hanno allertato le autorità. L’intera vicenda viene resa nota dal gruppo Adorno, volontari antibracconaggioattivi in territorio calabrese.

Gli escursionisti che hanno effettuato il ritrovamento hanno immediatamente avvisato le Autorità competenti e il corpo è stato rimosso. Lo rende noto il Gruppo Adorno, i cui volontari, è scritto in una nota, intervenuti sul posto dopo la rimozione, hanno constatato che non vi era alcuna traccia di sangue sul terreno. “Appare evidente, pertanto – prosegue la nota – che il lupo è stato ucciso altrove e trasportato in auto in quel posto per farlo ritrovare, lanciando un chiaro segnale di tipo mafioso, ma allontanando al tempo stesso i sospetti dagli autori del reato”.

E’ gravissimo che a 15 giorni di distanza il Parco non abbia dato alcuna notizia del ritrovamento. Come mai si tace su questi gravissimi atti di bracconaggio, alzando un’inquietante cortina di silenzio? Forse perché si vorrebbe far credere all’opinione pubblica che nel Parco tutto sia sotto controllo?

Il Gruppo Adorno ritiene invece che si sia in presenza di un attacco concentrico alla fauna dell’Aspromonte visto che il Parco, per contrastare alcuni casi di peste suina, vorrebbe aprire alla caccia di selezione (ma i focolai di peste suina si contrastano soprattutto vietando tutte le attività di calpestio, che favoriscono il diffondersi dell’epidemia). Ciò che apparentemente riguarderebbe solo i cinghiali, di fatto sarebbe un lasciapassare per l’uccisione di ogni specie animale, anche protetta”.

 

 

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie