Ucraina. Zelensky chiede al G7 uno “scudo aereo”. Putin “ha ancora spazio per un’ulteriore escalation”

AgenPress – Il presidente ucraino Volodymyr Zelenky intervenuto al vertice del G7 chiede che i sette Paesi aiutino a creare uno “scudo aereo” sull’Ucraina.

Putin “ha ancora spazio per un’ulteriore escalation” degli attacchi all’Ucraina. Dobbiamo riconoscere un fatto ovvio: non può esserci dialogo con questo leader della Russia, che non ha futuro”.

“I colloqui possono svolgersi o con un altro capo della Russia – che rispetterà la Carta delle Nazioni Unite, i principi fondamentali dell’umanità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina – o in una configurazione diversa, in modo che questo terrorista non abbia l’opportunità di influenzare le decisioni chiave. Ora una persona sta bloccando la pace e questa persona è a Mosca”.

I capi di governo  hanno promesso di ritenere il presidente russo Vladimir Putin e i “responsabili di rendere conto” della recente ondata di attacchi in Ucraina, hanno affermato i leader del gruppo in una dichiarazione congiunta.

“Incoraggeranno lo stato terrorista a pensare alla pace, alla non redditività della guerra”, ha detto, parlando tramite un collegamento video.

Il bilancio della Russia dipende in larga misura dalle entrate del petrolio e del gas e gran parte dei fondi vengono utilizzati per finanziare l’invasione di Mosca contro l’Ucraina, lanciata il 24 febbraio.

Zelensky ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin è ancora “una minaccia per tutti noi”, dopo due giorni di attacchi aerei diffusi sulle città dell’Ucraina.

Il G7 (Gruppo dei Sette) è costituito dalle economie e dalle democrazie liberali più avanzate: Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie