Iran. Per la prima volta dalla rivoluzione islamica del 1979 le donne assistono ad una partita di calcio

AgenPress – Le donne hanno ufficialmente partecipato a una partita di calcio del campionato nazionale in Iran per la prima volta dalla rivoluzione islamica del 1979, affermano i media statali.

Si pensa che circa 500 persone siano state alla partita all’Azadi Stadium di Teheran giovedì sera.

Le donne sono state effettivamente escluse dalle partite nazionali in cui giocano uomini a causa della disapprovazione del clero sotto il regime musulmano sciita.

L’ultimo match a cui hanno assistito è stata una qualificazione alla Coppa del Mondo tre anni fa. All’epoca, le autorità cedettero in seguito alle proteste suscitate dalla morte di Sahar Khodayari, 29 anni, che si era data fuoco in attesa del processo per aver cercato di assistere a una partita travestita da uomo. Khodayari è diventata nota come ‘Blue Girl’, i colori della squadra per cui tifava e simbolo della lotta per i diritti delle donne in Iran.

Diversi siti web iraniani hanno affermato che la decisione di consentire alle donne di giocare giovedì è arrivata dopo che l’organo di governo mondiale del calcio Fifa ha inviato una lettera alle autorità iraniane chiedendo loro di consentire a più donne di entrare negli stadi. Il divieto alle donne di giocare va contro gli statuti del calcio internazionale.

Coloro che hanno assistito alla partita tra la squadra di casa Estaqlal e i rivali Mes-e Kerman erano seduti separatamente dagli uomini. Molti hanno sventolato bandiere, indossato i colori della loro squadra e cantato “Blue Girl” in riconoscimento a Khodayari.

Anche se in Iran non esista un divieto ufficiale per le donne di andare agli eventi sportivi, è raro che vi partecipino perché spesso viene loro negato l’ingresso. Nel 2018 decine di donne sono state arrestate dopo aver cercato assistere a una partita di calcio, mentre altre sono riuscite ad entrare allo stadio indossando barbe e parrucche finte.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie