Vietnam. Essere gay, bisessuale o transgender “non è una malattia”. “Enorme cambio di paradigma” del governo

AgenPress – Il Ministero della Salute ha affermato che i professionisti sanitari dovrebbero trattare le persone LGBTQ+ con rispetto e assicurarsi che non siano discriminate.

Essere gay, bisessuali o transgender non deve essere considerato una malattia e non può essere curato. Il governo del Vietnam ha annunciato in “un enorme cambio di paradigma” nei diritti LGBTQ+ nel Paese.

In un annuncio inviato ai dipartimenti sanitari provinciali e municipali all’inizio di questo mese e pubblicato sul sito web del governo, il ministero ha affermato che essere LGBTQ+ “non è del tutto una malattia”, quindi “non può essere ‘curato’ né ha bisogno di essere ‘curato ‘ e non può essere convertito in alcun modo”.

Ha affermato che i medici non dovrebbero “interferire né forzare il trattamento” sui pazienti LGBTQ+. Se è necessario un supporto, “deve essere sotto forma di assistenza psicologica e prestata solo da coloro che hanno conoscenza dell’identità sessuale”, ha affermato il ministero.

La svolta segue anni di campagne da parte di gruppi per i diritti LGBTQ+. A novembre, la campagna Leave with Pride dell’Istituto per gli studi sulla società, l’economia e l’ambiente (iSEE) ha presentato una petizione all’Organizzazione mondiale della sanità in Vietnam per affermare che essere gay non è una malattia. In un video, l’iSEE ha posto la domanda: se la queerness è una malattia, i vietnamiti LGBT+ non dovrebbero essere in grado di ottenere un congedo per malattia?

Ad aprile, il rappresentante dell’OMS in Vietnam , Kidong Park, ha rilasciato una dichiarazione confermando che qualsiasi tentativo di cambiare l’orientamento sessuale delle persone LGBTQ+ “manca di basi mediche ed è inaccettabile”.

“Non possiamo sopravvalutare quanto sia importante questo annuncio”, ha affermato Kyle Knight, ricercatore senior di salute e diritti LGBTQ+ presso Human Rights Watch. “Sebbene gli atteggiamenti non cambieranno dall’oggi al domani, questo segna un enorme cambio di paradigma. Essendo la fonte più affidabile di autorità medica in Vietnam, l’impatto sulle percezioni sociali della queerness sarà enorme.

“Il mito secondo cui l’omosessualità è diagnosticabile è stato permesso di permeare e filtrare la società vietnamita. È un fattore alla base della negligenza medica contro i giovani LGBTQ+”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie