Ucraina. Giorno Indipendenza. Zelensky: ci batteremo fino alle fine. Sfilata di carri armati russi distrutti

AgenPress –  L’Ucraina “si batterà fino alla fine” contro l’aggressore russo e “non farà alcuna concessione o compromesso con il nemico”.

Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un discorso in video per il Giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina, che segna anche esattamente sei mesi dall’inizio dell’invasione.. “Non ci importa che esercito abbiate, ci interessa solo della nostra terra. Combatteremo per essa fino alla fine”.

“Abbiamo tenuto duro per sei mesi. E’ stata dura, ma abbiamo stretto i pugni e stiamo combattendo per il nostro destino. “Ogni nuovo giorno è una ragione in più per non arrendersi. Dopo un viaggio così lungo non abbiamo il diritto di non arrivare fino in fondo”, ha aggiunto Zelensky. Quanto alla Russia, “non cercheremo di arrivare a un’intesa con i terroristi”, in quanto “per noi l’Ucraina è l’intera Ucraina: tutte le 25 regioni, senza alcuna concessione o compromesso”.

“Le provocazioni russe e gli attacchi brutali sono una possibilità”, ha detto Zelensky in una nota. “Si prega di seguire rigorosamente le regole di sicurezza. Si prega di osservare il coprifuoco. Prestare attenzione alle sirene aeree. Presta attenzione agli annunci ufficiali. E ricorda: dobbiamo tutti raggiungere la vittoria insieme”.

L’anno scorso, la folla si è presentata a Kiev per assistere a una parata militare in occasione del 30° anniversario dell’indipendenza dell’Ucraina. Ma quest’anno, solo un piccolo numero di residenti si è radunato nella piazza centrale di Kiev, dove durante il fine settimana sono stati esposti carri armati russi distrutti e artiglieria mobile, e l’inno nazionale viene suonato ogni giorno alle 7 del mattino.

“Questa non è una guerra. È la distruzione del popolo ucraino”. 

La festa di mercoledì commemora la dichiarazione di indipendenza dell’Ucraina dall’Unione Sovietica del 1991.

“Sei mesi fa, la Russia ci ha dichiarato guerra. Il 24 febbraio , tutta l’Ucraina ha sentito esplosioni e spari. … Il 24 febbraio ci è stato detto: non hai possibilità. Il 24 agosto diciamo: Buon Giorno dell’Indipendenza, Ucraina!” Zelenskyy ha detto in un messaggio del Giorno dell’Indipendenza.

Sono esposti circa 80 unità di equipaggiamento russo distrutto, che sono state consegnate da diverse regioni dell’Ucraina, dove il nemico ha tentato e sta ancora cercando di realizzare le sue intenzioni criminali.

Una linea di carri armati russi – T90, T80, T72 di varie modifiche, cannoni semoventi, artiglieria missilistica (“Grad”, “Uragan”), mezzi corazzati, ZRGK “analogico” russo “Pantsir-S1”, VOS “Solntsepok “, cannoni semoventi “Hosta” e molti altri, come i resti di missili dei sistemi S-300 e proiettili dell’MLRS, dai quali gli occupanti hanno sparato contro le città ucraine.

I “fornitori” sono stati le Forze di Difesa dell’Ucraina: le Forze Armate dell’Ucraina, il Ministero della Difesa, la Guardia Nazionale, il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina, il Servizio di Frontiera di Stato, la Polizia Nazionale e altri. Lo scopo di questa mostra è dimostrare chiaramente che tipo di valanga di ferro, che porta la morte, è stata fermata dagli ucraini. Per ricordare a tutti che la guerra continua. Che i nostri soldati abbiano bisogno di sostegno – scrive sulla sua pagina Facebook il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov . – Dobbiamo mantenere l’unità ed essere pronti a battere il nemico. Le forze di difesa dell’Ucraina hanno già dimostrato di poterlo fare brillantemente”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie