Ex detenuti rivelano stupri e torture nelle carceri russe. Ex detenuto riesce a far uscire i video

AgenPress – Ex detenuti hanno parlato alla BBC di essere stati sistematicamente violentati e torturati nelle carceri russe. Il filmato trapelato di tali abusi è stato fatto circolare da un insider l’anno scorso e ora le vittime hanno detto alla BBC perché accade e come stanno combattendo per la giustizia.

L’ospedale carcerario di Saratov, nel sud-ovest della Russia, ha attirato l’attenzione del pubblico l’anno scorso quando i video di orribili abusi sui prigionieri sono stati divulgati a un’organizzazione per i diritti umani e sono stati riportati dai media internazionali.

Alexei Makarov conosceva la sua reputazione prima di essere trasferito lì nel 2018 come parte di una condanna a sei anni per aggressione. I prigionieri che vengono inviati a Saratov da altre carceri della regione si sono lamentati del fatto che le basi mediche sono state fabbricate in modo da poter essere torturate a porte chiuse. Le carceri russe non hanno quasi alcun controllo indipendente e gli ospedali carcerari – con le loro regole di quarantena sanitaria – ancora meno.

Makarov stava davvero male – gli era stata diagnosticata la tubercolosi – e sperava di essere risparmiato. Ma dice di essere stato violentato due volte durante la sua permanenza lì.

Vittime ed esperti affermano che l’abuso – a cui Makarov e altri sono stati sottoposti – è sempre sanzionato dalle autorità carcerarie e viene utilizzato per ricattare i detenuti, intimidirli o forzare le confessioni.

La tortura è stata segnalata nel 90% delle regioni russe tra il 2015 e il 2019, secondo il progetto mediatico indipendente russo Proekt. Ma l’azione è stata lenta. La BBC ha analizzato migliaia di atti giudiziari risalenti a quel periodo e ha scoperto che 41 membri del servizio carcerario sono stati condannati nei più gravi processi per abusi sui prigionieri. Ma quasi la metà di loro ha ricevuto solo la sospensione della pena. La BBC ha parlato con ex detenuti, tra cui Makarov, delle prove che hanno subito nel sistema carcerario russo.

La prima volta che Makarov è stato torturato è stato nel febbraio 2020. Si è rifiutato di confessare un presunto complotto contro l’amministrazione carceraria e tre uomini lo hanno sottoposto a continui abusi sessuali violenti, dice.

“Per 10 minuti mi hanno picchiato, strappato i miei vestiti. E per, diciamo, le due ore successive mi hanno violentato ogni due minuti con i manici della scopa.

“Quando svenivo, mi spruzzavano con acqua fredda e mi gettavano di nuovo sul tavolo.”

Due mesi dopo è successo di nuovo. Era stato costretto a pagare 50.000 rubli (£ 735) ai suoi aggressori e dice di essere stato violentato nel tentativo di tenerlo zitto su questo.

Makarov ha detto alla BBC che la sua tortura in prigione era stata videoregistrata. I prigionieri sanno che il filmato umiliante può essere condiviso con l’intera prigione se non rispettano le richieste.

Gli stupratori erano altri detenuti, che – Makarov e altri sono certi – hanno agito su istruzioni dei capi della prigione.

La musica veniva suonata a tutto volume durante gli episodi di tortura, dice Makarov, per mascherare le urla.

Nel 2021, un prigioniero ha fatto uscire di nascosto video da una prigione russa, rivelando alcune delle peggiori torture mai viste dalla Russia.

La fuga di filmati dell’anno scorso da Saratov è stata pubblicata con l’aiuto di un altro ex detenuto della prigione. Sergey Savelyev è riuscito a far uscire di nascosto filmati che mostrano umiliazioni e violenze contro dozzine di detenuti. Crede inoltre che la tortura sia sanzionata ai massimi livelli come parte di un sistema organizzato.

Savelyev ha avuto accesso al filmato perché gli è stato chiesto di lavorare nel dipartimento di sicurezza del carcere a corto di personale. Gli è stato richiesto di monitorare e catalogare le riprese delle bodycam normalmente indossate dagli agenti penitenziari.

Ma ha detto alla BBC che quando si trattava di torturare un prigioniero a Saratov, gli agenti avrebbero chiesto ai detenuti di fare il loro lavoro sporco e avrebbero chiesto loro di indossare bodycam per filmare gli abusi.

“Ricevevo ordini [di emettere bodycam] dal capo della sicurezza”. 

Gli è stato poi detto di salvare il filmato registrato di alcuni di questi assalti per mostrarlo al dipartimento di sicurezza e, in alcune occasioni, di trasferirlo su un’unità in modo che potesse essere mostrato al personale più anziano.

Dopo aver scoperto gli orrori che si svolgono a porte chiuse, ha iniziato a copiare i file e a nasconderli.

“Passare semplicemente oltre e non fare nulla significa riconoscerlo come normale”.

In alcune delle clip gli uomini che eseguono la tortura sono visti usare le manette – attrezzature, come le body cam, che vengono rilasciate solo al personale carcerario.

Savelyev afferma che i prigionieri che effettuano gli abusi sono, di regola, coloro che sono stati condannati per crimini violenti e stanno quindi scontando lunghe condanne. In quanto tali, sono interessati a ingraziarsi le autorità per essere trattati meglio.  A questi prigionieri viene talvolta dato il soprannome di “pressovschiki”.

L’attivista Vladimir Osechkin, la cui organizzazione Gulagu.net ha pubblicato i video trapelati, nota il protocollo agghiacciante seguito dai torturatori, catturato in una clip particolare, il che suggerisce che sono ben praticati.

“Si danno segni l’un l’altro, agiscono in concerto silenzioso, si capiscono anche senza parole perché seguono un sistema ben consolidato. [L’uomo inquadrato] dà segni su come torcere o allargare le gambe dell’uomo in modo che può violentarlo”.

A seguito della fuga di prove da parte di Savelyev, sei pressovschiki sono stati arrestati, ma hanno negato di essere coinvolti. Due mesi dopo sono stati arrestati anche il direttore dell’ospedale carcerario di Saratov e il suo vice, entrambi hanno negato qualsiasi collegamento con gli abusi mostrati nei video.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie