Onu. Proteggere donne e bambini ucraini. Sempre più spesso voci di stupri e violenze sessuali

AgenPress – “Sentiamo sempre più spesso parlare di stupri e violenze sessuali, contro donne e bambini ucraini.Queste accuse devono essere indagate in modo indipendente per garantire giustizia e responsabilità. La combinazione dello sfollamento di massa con la grande presenza di coscritti e mercenari e la brutalità mostrata contro i civili ucraini ha sollevato tutte le bandiere rosse. Questo stimato organismo verrà informato di più su questo dal Rappresentante Speciale del Segretario Generale sulla Violenza Sessuale nei Conflitti mercoledì”.

Lo ha detto Sima Bahous, direttore esecutivo di UN Women, al briefing del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul mantenimento della pace e della sicurezza in Ucraina, al suo ritorno dalla Moldova, dove ha osservato la risposta umanitaria nei rifugi temporanei eretti per le persone in fuga dall’Ucraina. Si stima che ad oggi in Moldova siano ospitati circa 95.000 ucraini. 

“La combinazione di sfollamenti di massa con la grande presenza di coscritti e mercenari, e la brutalità mostrata contro i civili ucraini, ha sollevato tutte le bandiere rosse”, ha detto Bahous.
Il rischio della tratta di esseri umani è in aumento man mano che la situazione diventa più disperata. Le giovani donne e gli adolescenti non accompagnati sono particolarmente a rischio. Invito tutti i paesi a intensificare i loro sforzi nella lotta alla tratta e lodo tutti i paesi ospitanti per la loro collaborazione su questo e sulla prevenzione.

UN Women, un’entità delle Nazioni Unite dedicata a promuovere l’equità di genere e l’emancipazione delle donne, sta lavorando con i team di risposta ai rifugiati e i team della società civile sul campo in Moldova “per garantire che la natura di genere di questa crisi sia affrontata con una risposta sensibile al genere .”

Bahous ha sottolineato la necessità imperativa di avere una risposta umanitaria “sensibile al genere”, inclusi “servizi per fornire un focus sulla protezione e per affrontare i traumi aumentati e le esigenze di supporto psicosociale”.

“Una risposta sensibile al genere e incentrata sui sopravvissuti deve essere al centro di tutta l’azione umanitaria”, ha affermato Bahous. Ha aggiunto che, nonostante tutte le violenze, “le donne continuano a servire e guidare le loro comunità e a sostenere gli sfollati interni”.

“Le donne costituiscono l’80% di tutti gli operatori sanitari e sociali in Ucraina e molte di loro hanno scelto di non evacuare”, ha detto Bahous. “Ho sentito dalle donne nei centri di accoglienza che anche loro stanno assumendo ruoli di leadership e supportano la risposta dei rifugiati nei paesi ospitanti”.

Nonostante ciò, Bahous ha affermato che le donne rimangono in gran parte assenti da qualsiasi sforzo negoziale in corso. Ha chiesto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e a tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite di “assicurare la partecipazione significativa di donne e ragazze, anche provenienti da gruppi emarginati, a tutti i processi decisionali, alla pace, alla diplomazia e agli aiuti umanitari. Senza questo, non avremmo pace, sviluppo o sicurezza umana”.

Il Women’s Peace and Humanitarian Fund sta già sostenendo diverse organizzazioni femminili in prima linea in Ucraina e in Moldova per aiutare le donne e le ragazze sfollate con riparo, medicine, cibo e sostegno psicosociale, anche a donne e ragazze che vivono con disabilità o HIV/AIDS. Il Fondo fornisce anche supporto istituzionale a queste organizzazioni per sostenerle. Con il tuo aiuto possiamo fare molto di più.
UN Women è l’organizzazione delle Nazioni Unite dedicata all’uguaglianza di genere e all’emancipazione delle donne.
Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie