Afghanistan. Nel governo talebano ex detenuti di Guantanamo e terroristi ricercati

AgenPress – I talebani hanno annunciato  la formazione di un governo provvisorio intransigente per l’Afghanistan, che ricopre i posti di vertice con i veterani del gruppo militante che ha supervisionato la lotta ventennale contro la coalizione militare guidata dagli Stati Uniti.

Nessuna donna o membro della leadership estromessa dall’Afghanistan è stata selezionata per posizioni di governo in carica o nominata per ruoli consultivi, nonostante le promesse dei talebani di un governo inclusivo e di una forma più moderata di governo islamico rispetto all’ultima volta al potere, dal 1996 al 2001.
I talebani hanno nominato Mohammad Hassan Akhund, uno stretto collaboratore del defunto fondatore dei talebani Mohammad Omar, come primo ministro ad interim e Abdul Ghani Baradar, uno dei co-fondatori del gruppo, è stato nominato suo vice. Mohammed Yaqoob, figlio di Omar, è stato nominato ministro della Difesa ad interim.
Nelle posizioni di rilievo ci sono ex detenuti di Guantanamo, membri di un gruppo terroristico designato dagli Stati Uniti e soggetti di una lista di sanzioni internazionali, presenta la prima istantanea di come la leadership dei talebani in Afghanistan inizierà a prendere forma.
Come molti nel prossimo governo talebano, il primo ministro ad interim Mohammad Hassan Akhund è soggetto alle sanzioni delle Nazioni Unite. Da lungo tempo membro dei talebani, è stato leader della Shura, o Consiglio direttivo del gruppo, per circa due decenni.
Alcuni analisti avevano originariamente dato la mancia ad Abdul Ghani Baradar per il ruolo di primo piano. Baradar ha prestato servizio nell’ufficio politico dei talebani a Doha, in Qatar, e ha guidato i colloqui di pace dei talebani con gli Stati Uniti. Recentemente è tornato in Afghanistan dopo 20 anni di esilio e, secondo quanto riferito, ha incontrato il capo della CIA William J. Burns.
Nel governo ad interim saranno anche due membri di alto livello della rete Haqqani, un gruppo terroristico designato dagli Stati Uniti allineato con i talebani e al Qaeda. Entrambi sono stati sanzionati dalle Nazioni Unite e dagli Stati Uniti.
Quattro uomini con incarichi di alto livello nel governo erano stati precedentemente detenuti dagli Stati Uniti a Guantanamo Bay e rilasciati come parte di uno scambio di prigionieri per il sergente Bowe Bergdahl nel 2014.
I talebani hanno nominato Noorullah Noori ministro facente funzione dei confini e degli affari tribali, Abdul Haq Wasiq direttore facente funzione dell’intelligence, Khairullah Khair ministro facente funzione dell’informazione e della cultura e Mohammad Fazil Mazloom viceministro della difesa.
Un quinto detenuto rilasciato nel commercio del 2014, Mohammed Nabi Omari (in foto) è stato nominato il mese scorso nuovo governatore della provincia sudorientale di Khost, secondo i talebani.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie