Covid. Strasburgo, lockdown non è paragonabile ai domiciliari

AgenPress –  “Le misure di confinamento adottate dalle autorità per lottare contro la pandemia Covid-19 non possono essere equiparate agli arresti domiciliari”.

Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani (Cedu) nella sentenza sul ricorso presentato da un eurodeputato rumeno, Cristian-Vasile Terhes, del Partito Social Democratico contro il suo Paese.

I giudici  evidenziano che le restrizioni si applicavano a tutti e che le autorità non avevano adottato alcuna misura individuale contro Terhes. La Cedu osserva che l’uomo era libero di uscire di casa per vari motivi a qualsiasi ora fosse necessario e che non è stato soggetto a sorveglianza da parte delle autorità.

Il politico aveva sostenuto che l’interdizione a uscire di casa, se non per una serie di motivi limitati che dovevano essere provati con un’attestazione, ha violato il suo diritto a non essere privato della libertà, sancito dall’articolo 5 della Convenzione europea dei diritti umani. Nel dichiarare il ricorso “inammissibile”, la Cedu afferma che le restrizioni non hanno raggiunto un’intensità tale da poter essere equiparate agli arresti domiciliari.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie