Global Times. In Italia focolaio Covid prima di Wuhan. Esiste serie di prove

AgenPress – Esiste una serie di prove sul coronavirus trovate in Italia prima di dicembre 2019, tra cui l’ultima riguardante un bambino di 4 anni scoperto ad aver contratto il virus nel novembre 2019, che alcuni esperti ritengono indichi che si è verificato un focolaio di COVID-19 in L’Italia prima che a Wuhan in Cina, che ha registrato i primi sintomi di COVID-19 da un paziente l’8 dicembre 2019 e da allora è stata etichettata come l’origine del virus da alcuni paesi occidentali.

Lo scrive il Global Times, il tabloid in lingua inglese del Quotidiano del Popolo (organo del Partito comunista cinese), in un articolo pubblicato stasera sul suo sito web e titolato ‘L’Italia ha potenzialmente avuto un’epidemia di Covid-19 prima di Wuhan’.

Tuttavia, questo non indica l’Italia come l’origine del virus, poiché determinare la fonte è un lavoro complicato e difficile che richiede una grande quantità di indagini e studi, hanno detto gli esperti, suggerendo che paesi tra cui l’Italia e gli Stati Uniti collaborano con l’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS) per analizzare e indagare l’origine del virus.

L’Italia ha identificato il nuovo coronavirus in un bambino di 4 anni il 5 dicembre, dopo che ha sviluppato la tosse il 21 novembre 2019, secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista Emerging Infectious Diseases dei Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti, l’ultimo rapporto che suggerisce che la malattia ha colpito l’Europa prima di quanto si pensasse.

Era circa tre mesi prima del primo caso identificato di malattia da coronavirus in Italia.

Secondo lo studio, i ricercatori hanno identificato l’RNA della sindrome respiratoria acuta grave del coronavirus 2 in un campione di tampone orofaringeo raccolto dal ragazzo che viveva nell’area circostante di Milano e non aveva precedenti di viaggio segnalati.

Lo studio, che corrisponde ad altre prove di una diffusione precoce del COVID-19 in Europa, fa risalire l’inizio dell’epidemia alla fine dell’autunno 2019. Tuttavia, durante questo periodo potrebbero essere stati occasionalmente importati anche ceppi precedenti in Italia e in altri paesi europei, lo studio ha detto.

Gli scienziati italiani hanno utilizzato campioni di tamponi piuttosto che anticorpi rilevati in precedenza, il che fornisce risultati significativamente più accurati, ha detto un virologo anonimo di Pechino, che ha spiegato che il primo possiede una specificità più elevata per i test sui virus rispetto agli anticorpi, che a volte derivano da infezioni incrociate .

Il nuovo studio ha scoperto che l’analisi della sequenza del ragazzo mostrava una compatibilità del 100% con la sequenza di riferimento di Wuhan e con le sequenze di altri ceppi di coronavirus circolanti in tutto il mondo in una fase successiva.

La sequenza di RNA trovata nel ragazzo italiano condivide un alto livello di somiglianza con quella osservata a Wuhan, suggerendo che è possibile che l’infezione si sia verificata in entrambi i luoghi contemporaneamente, ma è difficile identificare chi l’ha trasmessa per primo. Se i campioni di virus trovati in quei due luoghi condividono la stessa sequenza, possiamo dimostrare che sono simultanei, ma non possiamo dimostrare chi è arrivato per primo, ha detto il virologo, notando che sono necessari più risultati dal virus o sequenziamento temporale del campione di tampone italiano per eliminare luce sulla domanda su chi ha trasmesso il virus per primo.

Tuttavia, i risultati erano solo le ultime prove di coronavirus in una serie di campioni ambientali e umani trovati in Italia, il primo paese occidentale gravemente colpito dall’epidemia di COVID-19 con il primo caso noto segnalato nella regione Lombardia il 21 febbraio.

L’Italia afferma di aver trovato prove che il virus circolava molto prima controllando campioni di sangue di pazienti che hanno preso parte a uno studio di screening del cancro del polmone in Italia tra settembre 2019 e marzo 2020, e lo studio è stato pubblicato dalla rivista scientifica del National Cancer Institute Tumori Journal l’11 novembre un
altro studio ha rilevato che la presenza del virus è stata riscontrata anche in campioni raccolti in acque reflue non trattate nell’area milanese già a metà dicembre 2019.

Alcuni analisti cinesi ritengono che tutte le prove trovate in Italia prima o intorno a dicembre 2019 indichino che l’Italia potrebbe aver avuto l’epidemia di COVID-19, piuttosto che casi sporadici, prima dello scorso dicembre, sebbene siano necessari ulteriori studi.

 

Wang Guangfa, esperto di respirazione presso il primo ospedale dell’Università di Pechino, ha dichiarato giovedì al Global Times che la recente serie di prove sul nuovo coronavirus trovato in campioni di sangue sia ambientali che umani in Italia ha rivelato che il coronavirus stava circolando ampiamente in Italia prima che Wuhan segnalasse il suo primo paziente confermato, e l’Italia era solo un altro luogo colpito dall’epidemia in una fase iniziale, proprio come Wuhan.

È possibile che il virus abbia infettato solo un piccolo numero di esseri umani prima di mutare in qualcosa di altamente contagioso, ha detto Wang.

“Ma questo non significa che l’Italia sia stata l’origine della pandemia COVID-19, e non sappiamo ancora da dove abbia avuto origine il coronavirus e quando e come questo virus abbia infettato gli esseri umani per la prima volta”, ha detto Wang.

La serie di prove dell’Italia è significativa nel demistificare la fonte del virus, poiché non solo ha dimostrato che il primo paziente potrebbe non essere di Wuhan, ma anche il virus potrebbe non provenire da animali cinesi come i pipistrelli, un immunologo anonimo, ha detto al Global Times.

L’immunologo ha detto che senza prove sufficienti, è ancora troppo presto per saltare alla conclusione che Wuhan abbia causato l’epidemia di COVID-19.

Non solo in Italia, anche altri studi scientifici hanno suggerito che il nuovo coronavirus sia apparso negli Stati Uniti a metà dicembre 2019 e in Francia a fine dicembre, prima o nel periodo in cui il virus è stato ufficialmente identificato in Cina.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie