Cina. Traffico di droga. Cittadino australiano condannato a morte per fucilazione

Agenpress – Un cittadino australiano è stato condannato a morte in Cina per traffico di droga, una sentenza che potrebbe ulteriormente infiammare le tensioni tra Pechino e Canberra.

Si tratta Cam Gillespie è stato arrestato con oltre 7,5 chilogrammi di metanfetamina nel suo bagaglio da stiva nel 2013 mentre tentava di imbarcarsi su un volo internazionale dall’aeroporto Baiyun nella città cinese meridionale di Guangzhou.

Il tribunale del popolo intermedio di Guangzhou ha anche ordinato la confisca di tutti i beni personali di Gillespie, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa DPA.

Il Dipartimento australiano per gli affari esteri e il commercio ha dichiarato di fornire assistenza consolare a Gillespie.

“Siamo profondamente rattristati dalla notizia del verdetto emesso nel suo caso”, ha dichiarato un portavoce del DFAT in una nota.

“L’Australia si oppone alla pena di morte, in tutte le circostanze per tutte le persone. Sosteniamo l’abolizione universale della pena di morte e ci impegniamo a perseguire questo obiettivo attraverso tutte le strade a nostra disposizione.

“A causa dei nostri obblighi sulla privacy non forniremo ulteriori commenti.”

Negli ultimi giorni, le relazioni diplomatiche tra Cina e Australia sono diventate sempre più tese. Negli ultimi sei mesi, le controversie in genere tenute a porte chiuse sono trapelate alla vista del pubblico. È iniziato con l’Australia che spingeva per un’indagine indipendente sulle origini di COVID-19. 

La Cina ha risposto con minacce di coercizione economica, quindi ha imposto delle tariffe sulla carne bovina australiana e ha bandito la carne bovina da quattro importanti esportatori australiani.

Inoltre, le relazioni Australia-Cina si fanno sempre più forti rispetto alla politica cinese di aggressione e incursioni nella catena himalayana. Alla luce dell’approccio imperialista cinese, l’Australia e l’India hanno innalzato le loro relazioni a un “Partenariato strategico globale” e hanno rilasciato una dichiarazione comune su una visione condivisa di “Cooperazione marittima nelle regioni indo-pacifiche”

La Cina impone la pena di morte per traffico di stupefacenti e le esecuzioni vengono di solito eseguite con la fucilazione. 

Gli stranieri precedentemente giustiziati dalla Cina per accuse di droga includono un cittadino giapponese nel 2014, una filippina nel 2013 e un britannico nel 2009.

L’anno scorso, la Cina ha condannato a morte due canadesi per crimini legati alla droga a seguito dell’arresto a Vancouver dell’esecutivo Huawei Meng Wanzhou.

La loro detenzione è stata vista da alcuni come una mossa di ritorsione da parte di Pechino per i procedimenti contro Meng.

Robert Lloyd Schellenberg, un altro canadese, ha ricevuto la condanna a morte dopo un improvviso nuovo processo in cui la corte ha ritenuto la sua precedente pena detentiva di 15 anni troppo clemente.

Il neozelandese Peter Gardner sta ancora aspettando la condanna dopo aver presumibilmente tentato di contrabbandare metanfetamine fuori dall’aeroporto Baiyun di Guangzhou nel 2014.

 

 

 

 

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie